CALENDARIO

Ultimo mese Settembre 2017 Prossimo mese
L M M G V S D
week 35 1 2 3
week 36 4 5 6 7 8 9 10
week 37 11 12 13 14 15 16 17
week 38 18 19 20 21 22 23 24
week 39 25 26 27 28 29 30

Newsletter

Statistiche

Tot. visite contenuti : 1018508


Designed by:  

ULTIMISSIME

 

“Una scuola che dà valore al lavoro, perché ne riconosce la dimensione culturale ed educativa, è una scuola aperta alla realtà e capace di rilanciare il ruolo determinante che l’istruzione può svolgere per il nostro Paese, nella direzione dello sviluppo, della competitività, dell’esercizio dei diritti di cittadinanza...” (Miur, Circ. n.8 , Prot. n. 34048 – Uscita)

Piano Triennale 2016/2018 Guida interattiva

La Legge 107/2015 ha codificato una nuova metodologia didattica, rivolta a tutti gli studenti del secondo biennio e dell'ultimo anno, e già introdotta negli anni precedenti in forma sperimentale, che prevede obbligatoriamente un percorso di orientamento utile a dotare gli studenti di elementi funzionali alla scelta che dovranno compiere una volta terminato il percorso di studio. Il periodo di Alternanza scuola-lavoro si articola in 400 ore per gli istituti tecnici e 200 ore per i licei.

Lo scopo principale della normativa finalizzata all’attuazione dell’Alternanza scuola-lavoro è quello di fornire ai giovani, oltre alle conoscenze di base, quelle competenze necessarie a inserirsi nel mercato del lavoro, alternando le ore di studio a ore di formazione in aula e ore trascorse all’interno di ambienti professionali di varie tipologie, per garantire loro un’esperienza concreta e, in tal modo, superare la inevitabile distanza formativa tra mondo del lavoro e mondo dell’istruzione in termini di competenze e preparazione, rafforzando nel contempo l'attività di orientamento post-diploma attraverso una maggiore valorizzazione delle vocazioni personali e gli stili di apprendimento individuali.

LINK alla Guida Ministeriale Interattiva

Come si realizza?

I percorsi in alternanza sono progettati, attuati, verificati e valutati, sotto la responsabilità dell'istituzione scolastica con il concorso di partner del mondo del lavoro, sulla base di delibera degli Organi Collegiali. Tali esperienze costituiscono parte integrante del curriculum e del Piano dell’Offerta Formativa e forniscono credito formativo per le successive esperienze di studio e di lavoro.

Obbligatori dall'A.S.2015/2016 solo per le classi terze – saranno progressivamente introdotti in tutte le classi del triennio negli anni scolastici 2016/2017 e 2017/2018. Potranno essere svolti anche durante la sospensione delle attività didattiche attraverso varie modalità:

  • visite presso aziende
  • incontri tenuti a a scuola da esperti esterni su specifiche tematiche del mondo del lavoro
  • attivazione di laboratori (per le materie specifiche di indirizzo) con attività didattica congiunta tra docenti dell'istituto ed esperti esterni
  • stage aziendali
  • attività di Impresa Formativa Simulata.

Cosa è lo stage?
Lo stage, attivato sulla base di una convenzione tra istituzione scolastica ed impresa, consiste nel trascorrere un certo periodo di tempo all’interno di una realtà lavorativa allo scopo di verificare, integrare e rielaborare quanto appreso in ambiente scolastico e incrementare le proprie capacità relazionali (sapere essere).

Confrontarsi durante la fase di formazione con il mondo lavorativo e le sue regole è un’esperienza arricchente per lo studente, favorisce il suo orientamento e agevola le future scelte professionali.

Lo stage è anche un'occasione per incrementare le opportunità di inserimento all’interno del mondo del lavoro poichè i giovani prendono atto di quanto occorre possedere dal punto di vista culturale, scientifico e tecnologico per entrare efficacemente nelle realtà lavorative.

 

Chi è online

 90 visitatori online